Mighty Natural

Modi 5 per ridurre il rischio di mortalità fetale

Modi 5 per ridurre il rischio di mortalità fetaleFino a metà dei nati morti si verificano in modo imprevisto e una causa chiara non viene mai identificata. da shutterstock.com

Ogni giorno nascono sei neonati australiani. Questo equivale a più di bambini 2,000 ogni anno.

La natimortalità è definita come il la morte di un bambino di almeno 20 settimane di gestazione o 400 in peso. La maggior parte dei nati morti si verificano durante la gravidanza.

C'è stata una riduzione negli ultimi 20 anni di morte infantile nelle prime quattro settimane di vita. Ma i tassi di nati morti non sono diminuiti. Il tasso attuale di 7.1 per nascite 1,000 mette l'Australia 28th tra i paesi 34 dell'OCSE per la nascita di un feto morto.

Il tasso di gestazione tardiva delle nati morti (dopo 28 settimane) in Australia di 2.7 per nascite 1,000 è di circa 50% più alto dei paesi con le migliori prestazioni in tutto il mondo, come Paesi Bassi, Finlandia e Danimarca, che hanno rispettivamente tassi di 1.8, 1.8 e 1.7 per 1,000. E i tassi di natimortalità per le popolazioni aborigene e di Torres Strait e per le donne svantaggiate sono spesso doppio quello degli australiani non indigeni.

Fino al 50% di nati morti avviene in modo imprevisto e una causa chiara non viene mai identificata. In circa un terzo, carenze nella qualità dell'assistenza in gravidanza e lavoro sono noti a svolgere un ruolo.

Questa settimana, un rapporto del Senato proporre raccomandazioni 16 ridurre i tassi di natimortalità in Australia che mirano a una riduzione del 20% del tasso di natimortalità entro tre anni.

Possiamo raggiungere questo obiettivo concentrandoci su cinque pratiche basate sull'evidenza per donne e operatori sanitari:

1) Dormi dalla tua parte nell'ultimo trimestre

La posizione in cui le donne incinte dormono è emersa di recente come un importante fattore di rischio per la morte in utero. Le donne che riferiscono di andare a dormire sulla schiena dopo 28 settimane di gravidanza hanno quasi triplo aumento del rischio di natimortalità.

Si raccomanda alle donne dopo 28 settimane di gravidanza di accontentarsi di dormire dalla loro parte anche se non tutte le donne sono a conoscenza di questo consiglio. Una campagna di sensibilizzazione pubblica sulla posizione del sonno materno sarà lanciata in Australia all'inizio di 2019. Questo è basato su quelli nel Regno Unito e in Nuova Zelanda.

2) Cercare aiuto se i movimenti fetali diminuiscono

Le donne che subiscono un movimento fetale diminuito o alterato dovrebbero contattare immediatamente l'ostetrica o il medico, poiché questo è un indicatore di potenziali problemi con il bambino, inclusa scarsa crescita, disabilità e morte in utero.

Ma le donne spesso non sono consapevoli di questo fattore di rischio e, in quanto tali, non segnalano immediatamente una riduzione dei movimenti fetali. UN programma di sensibilizzazione pubblica era diminuito il movimento fetale lanciato di recente a Victoria.

Al momento stiamo testando un'app per cellulare per le donne per monitorare i movimenti fetali. I nostri dati preliminari mostrano che circa il 20% delle donne riferisce preoccupazioni riguardo alla diminuzione dei movimenti fetali durante la gravidanza. Di questi, circa un terzo attenderà più a lungo delle ore 24 per contattare il proprio medico.

La risposta da parte dei fornitori di assistenza alla segnalazione materna di diminuzione del movimento fetale è spesso non è buono come dovrebbe essere.

3) Chiedi aiuto per smettere di fumare

Fumare durante la gravidanza è fortemente associato a morte fetale e ad altri gravi problemi come la restrizione della crescita fetale, il parto prematuro e la SIDS. Impatta sulla salute del bambino durante tutta la sua vita.

Una su dieci madri australiane fuma durante la gravidanza e le percentuali sono più alte per le donne sotto 20 anni (31%), che vivono a distanza (35%) o sono indigene (42%).

Smettere di fumare ha enormi benefici per le donne e i loro bambini, ma il tasso di smettere in gravidanza è Basso.

4) Partecipa ai controlli per monitorare la crescita del bambino

La restrizione della crescita fetale - quando il bambino non sta crescendo bene - è un forte indicatore di potenziali problemi con il bambino, tra cui la morte in utero, la morte nelle prime settimane di vita e anche malattie croniche più avanti nella vita.

Buon rilevamento prenatale, combinato con un'attenta gestione, migliorare le possibilità del bambino di essere nato sano.

Ma le ostetriche e i medici australiani sono spesso poveri nella restrizione della crescita fetale; ci identifichiamo solo circa un terzo di bambini che ce l'hanno.

Abbiamo sviluppato a programma per educare ostetriche e medici sulla restrizione della crescita fetale, attraverso un migliore screening e gestione delle donne a rischio. Finora questo è stato ben accolto.

Speriamo di vedere miglioramenti simili a quelli del Regno Unito programma di screening e gestione, che ha aumentato il rilevamento di bambini con restrizione di crescita da 34% a 54%.

5) Ottimizza i tempi di nascita, se possibile

Il rischio di natimortalità aumenta quando le donne si avvicinano e scadono la data di scadenza, poiché la funzione placentare diminuisce.

Il rischio assoluto di un parto morto in ritardo è molto basso, e colpisce circa uno nelle donne 1,000. Ma le donne dentro gruppi a rischio più elevato dovrebbero essere monitorati più attentamente per il loro rischio di natimortalità e, se necessario, indurre il loro lavoro. Ciò include le donne che:

  • impianti completi per la produzione di prodotti da forno maggiore di 35 anni
  • fumare
  • sono sovrappeso o obesi
  • avere il diabete preesistente
  • stanno avendo il loro primo figlio
  • ha avuto un precedente parto morto
  • sono indigeni o di altri gruppi svantaggiati
  • avere Patrimonio dell'Asia meridionale.

Tuttavia, il beneficio di ridurre il rischio di un parto prematuro attraverso una nascita prematura deve essere attentamente valutato rispetto al rischio di intervento per il bambino in una data gestazione.

Sappiamo da tempo che i bambini pretermine hanno esiti peggiori di quelli nati a termine. Sta diventando sempre più evidente la nascita alla 37-38 è anche la gestazione delle settimane associato a un rischio maggiore di malattia, problemi dello sviluppo e morte prematura.

Interventi ostetrici, come il taglio cesareo, anche aumentare i rischi di infezione e perdita di sangue per la madre. L'obiettivo è di ridurre la mortalità fetale per le donne alla fine o alla fine della gravidanza, senza aumentare l'intervento non necessario.

Sono in fase di sviluppo l'istruzione per migliorare la valutazione e il monitoraggio dei rischi, così come le misure per aiutare le donne e i loro fornitori di assistenza a valutare congiuntamente i rischi ei benefici dell'induzione del lavoro.

Mentre la relazione del Senato ha evidenziato la necessità di ulteriori ricerche per capire meglio e prevedere chi è a più alto rischio di morte in utero, con ciò che è già noto, possiamo ridurre sostanzialmente il numero di bambini nati morti e di famiglie che subiscono la tragedia di questa perdita.The Conversation

Circa l'autore

Vicki Flenady, professore, Istituto di ricerca Mater; Direttore, Centro di eccellenza della ricerca in Stillbirth, L'Università del Queensland; Adrienne Gordon, specialista per lo staff neonatale, ricercatrice per la prima infanzia della NHMRC, Università di Sydney; Caroline Homer, professore di ostetricia, Burnet Institute; David Ellwood, professore di ostetricia e ginecologia, Griffith University; Jonathan Morris, professore di ostetricia e ginecologia e direttore, Kolling Institute of Medical Research Ostetricia, ginecologia e neonatologia, Northern Clinical School, Università di Sydneye Philippa Middleton, professore associato, Istituto australiano per la salute e la ricerca medica

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

libri correlati

Inglese afrikaans Arabic Cinese (semplificato) Cinese (tradizionale) Dutch filippina Francese Tedesco hindi Indonesian Italiano Giapponese Korean Malay persiano Portoghese Russian Spagnolo swahili Swedish Thai turco Urdu vietnamita

SALUTE E BENESSERE

I medici devono parlare meglio delle opzioni di trattamento per gli uomini di colore con cancro alla prostata

I medici devono parlare meglio delle opzioni di trattamento per gli uomini di colore con cancro alla prostata

Rajesh Balkrishnan, professore, scienze della salute pubblica, Università della Virginia

CASA & GIARDINO

ALIMENTAZIONE E NUTRIZIONE

ULTIMI VIDEO