Mighty Natural

I pesci nutriti con mais sono meno sani da mangiare?

I pesci nutriti con mais sono meno sani da mangiare?

Una grande parte dei frutti di mare consumati nel Nord America viene coltivata. Ma il cibo che mangiano i pesci include sempre più ingredienti a base di colture, come mais, soia e grano.

Fino a poco tempo fa, questo mangime prodotto era tipicamente composto da alti livelli di farina di pesce e olio di pesce derivati ​​da pesci selvatici, ma è diventato insostenibile catturare più pesci selvatici per nutrire un numero crescente di pesci d'allevamento.

"L'aumento degli ingredienti vegetali può modificare il contenuto di acidi grassi nei pesci allevati".

Il cambiamento è stato salutato da alcuni come un cambiamento positivo alla luce degli oceani sempre più impoveriti e della rapida espansione dell'industria dell'acquacoltura. Ma lo spostamento potrebbe avere alcune conseguenze non volute, dicono gli esperti.

"I pesci allevati ricevono i loro acidi grassi omega-3 che promuovono salute, EPA e DHA, dai loro mangimi, e in particolare dall'olio di pesce", afferma la leader dello studio Jillian Fry, membro della facoltà della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health. "La nostra revisione ha rilevato che l'aumento degli ingredienti a base di piante può modificare il contenuto di acidi grassi nei pesci allevati, il che può influire sulla nutrizione umana."

L'uso di olii vegetali invece di olio di pesce cambia anche il contenuto di acidi grassi del pesce e il valore nutrizionale per il consumo umano, dicono i ricercatori. Considerando che gli americani sono incoraggiati a consumare frutti di mare ricchi di acidi grassi omega-3, che promuovono il miglioramento della salute cardiovascolare e del neurosviluppo, questo ha grandi implicazioni per le raccomandazioni dietetiche e l'industria dell'acquacoltura.

Fry e colleghi hanno esaminato la letteratura sull'acquacoltura e la salute pubblica e hanno condotto una nuova analisi per stimare l'impronta ambientale delle cinque principali colture utilizzate nei mangimi per acquacoltura commerciale. Ma dicono che sono necessarie ulteriori ricerche per capire meglio l'effetto.

Mentre gli ingredienti a base di pesce sono considerati estremamente limitati, lo stesso vale per le risorse come terra, acqua e fertilizzanti utilizzati per la produzione di mangimi. L'impronta ambientale dell'acquacoltura probabilmente include ora un aumento del flusso di nutrienti e di pesticidi dalla produzione di colture industriali necessarie per fornire cibo per pesci. Questo deflusso è un fattore chiave per l'inquinamento idrico a livello globale e può avere un impatto negativo sulla salute pubblica.

A seconda di dove e come vengono prodotte le colture di mangime, i mangimi a base vegetale potrebbero essere indirettamente collegati a esiti negativi per la salute dei lavoratori agricoli e delle comunità vicine a causa di esposizione all'aria, all'acqua o al suolo contaminati da nutrienti e / o pesticidi.

"Attualmente, solo una piccola parte dell'agricoltura terrestre viene utilizzata per nutrire i pesci d'allevamento. Tuttavia, l'industria dell'acquacoltura sta crescendo rapidamente. È necessario un quadro più chiaro di dove e come questi ingredienti dei mangimi sono prodotti, così possiamo valutare le implicazioni di questa industria in crescita per l'agricoltura e l'ambiente ", afferma Graham MacDonald, assistente alla geografia alla McGill University.

Fry dice che queste nuove scoperte potrebbero sollevare più domande di quante non rispondano.

"Il contenuto nutrizionale dei pesci allevati deve essere monitorato", afferma Fry. "L'industria dell'acquacoltura dovrebbe valutare l'impatto ambientale e l'impatto sulla salute pubblica dei propri ingredienti di origine vegetale e cercare quelli prodotti utilizzando metodi sostenibili".

I risultati appaiono nel diario Ambiente internazionale.

Fonte: McGill University

Libro correlati:


Prezzo di vendita: $ 67.00 $ 58.53 Risparmi: $ 8.47
Visualizza più offerte Acquista nuovo da: $ 52.65 Usata da: $ 102.16