Mighty Natural

Per uno sfortunato 10% di persone con commozione cerebrale, i sintomi potrebbero durare a lungo

Per uno sfortunato 10% di persone con commozione cerebrale, i sintomi possono durare a lungo Quando i sintomi di una commozione cerebrale persistono oltre i tre mesi, questo è chiamato sintomi persistenti post-concussione. Da shutterstock.com

La commozione cerebrale è un disturbo temporaneo nella funzione cerebrale a seguito di un impatto alla testa. Può anche verificarsi dopo un colpo al corpo, se la forza viene trasmessa alla testa.

La maggior parte delle persone associa la commozione agli sport, ma possono verificarsi ovunque, anche al lavoro o a scuola.

Ci sono molti segni e sintomi di commozione cerebrale, che possono presentarsi in modo diverso tra individui. Questi includono mal di testa, nausea, vomito, disturbi del linguaggio, vertigini, perdita temporanea di memoria e incapacità di concentrazione. La perdita di coscienza si verifica solo intorno al 10% delle commozioni cerebrali.

La maggior parte delle persone con commozioni cerebrali si riprende in tempi relativamente brevi. Intorno a 90% recupererà entro alcuni giorni fino a a paio di settimane.

Ma a volte i sintomi continuano oltre un paio di settimane. Quando i sintomi persistono oltre i tre mesi, alla persona può essere diagnosticata una persistente sintomatologia post-concussione.

Il riposo non è sempre il migliore

Non sappiamo esattamente come sono le commozioni cerebrali comuni, perché lo sono sotto-riportati. Alcune persone non pensano di essere un grave infortunio, quindi non cercare un trattamento, mentre altri mascherano il loro infortunio perché non vogliono essere visti come deboli.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità classifica la commozione cerebrale, che è un tipo di lesione cerebrale traumatica, come a problema critico di salute pubblica.

Il riposo fisico e mentale completo veniva raccomandato dopo una commozione cerebrale. Dal momento che 2017, tuttavia, il Le linee guida sul trattamento della concussione si sono evolute per riflettere la scienza.

Mentre si riposa nelle immediate 24-48 ore dopo che una commozione cerebrale è ancora consigliata, i pazienti sono ora incoraggiati a svolgere esercizi a bassa intensità (come camminare, fare jogging leggero o ciclismo stazionario) e leggere stimolazioni mentali (come lavoro o studio) oltre i seguenti giorni.

Il recupero è individuale, ma dovrebbe essere l'intensità dell'attività fisica e mentale aumentare gradualmente nel tempo e non dovrebbe esacerbare o peggiorare i sintomi.

Sintomi persistenti

Precedentemente noto come sindrome post-concussione, si verificano persistenti sintomi post-concussione intorno a 1-10% di quelli che hanno subito una commozione cerebrale. La prevalenza esatta è sconosciuta a causa di differenze metodologiche tra gli studi e come i sintomi persistenti post-concussione sono definiti all'interno di questi studi.

Come per la commozione cerebrale, i sintomi persistenti della post-concussione variano tra gli individui ma Può includere mal di testa, problemi di equilibrio, sensibilità alla luce o al rumore, ansia e depressione.

Non sappiamo ancora perché i sintomi di alcune persone persistono per molti mesi, a volte anche per anni.

Ma sospettiamo che la psicologia possa svolgere un ruolo. Mentre le prove sono limitate, intervento psicologico precoce per quelli con sintomi in corso, che implica educare la persona sul perché si sente in questo modo, ha dimostrato di essere efficace nel ridurre l'ansia e la depressione che accompagnano i sintomi persistenti della post-concussione.

Nonostante il supporto psicologico, alcuni esprimono sintomi fisici continui, come mal di testa, problemi di equilibrio e sensibilità luce / rumore; riflettendo possibili cambiamenti o anomalie nel cervello.

L'affaticamento, sia mentale che fisico, è comune nelle persone con persistenti sintomi post-concussione, ma è spesso trascurato, nonostante abbia un impatto significativo sulla qualità della vita.

Cosa possono dirci le misure di fatica?

nuova ricerca suggerisce che le persone con sintomi persistenti post-concussione possono avere problemi in corso con fatica e funzione cognitiva a causa di cambiamenti nel modo in cui le informazioni sono trasmesse da e verso il loro cervello.

Abbiamo usato stimolazione magnetica transcranica, una tecnica di stimolazione cerebrale non invasiva, per misurare la funzione cerebrale e l'elaborazione neurale dei partecipanti.

Se confrontati con i controlli di pari età, così come con un gruppo di persone che hanno recuperato da una precedente commozione cerebrale, abbiamo riscontrato che le persone con sintomi post- concussione persistenti erano più lente a completare le attività stabilite e i loro risultati erano più vari.

Abbiamo precedentemente confrontato le risposte del cervello tramite questo metodo in Regole australiane in pensione e Giocatori della lega di rugby e ha trovato risposte anormali rispetto ad altre persone della stessa età senza storia di trauma cranico.

La fase successiva della nostra ricerca è di capire meglio chi è vulnerabile ai sintomi persistenti della post-concussione e come la condizione può essere trattata.

Comprendiamo come diagnosticare e trattare la commozione cerebrale a breve termine, ma dobbiamo ancora scoprire come meglio aiutare le persone con sintomi persistenti post-concussione a tornare a condurre vite produttive.

Circa l'autore

Alan Pearce, professore associato, scuola di salute alleata, La Trobe University

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

libri correlati

Inglese afrikaans Arabic Cinese (semplificato) Cinese (tradizionale) Dutch filippina Francese Tedesco hindi Indonesian Italiano Giapponese Korean Malay persiano Portoghese Russian Spagnolo swahili Swedish Thai turco Urdu vietnamita