Mighty Natural

C'è più di un "tu"

Ce n'è più di uno

C'è una certa barzelletta cosmica sul fatto che iniziamo il nostro viaggio spirituale spesso desiderando scoprire un "vero" sé, una specie di essere statico finalmente deciso. La profonda ironia è che quando passiamo oltre le nostre ferite individuali, scopriamo che non siamo solo una cosa: siamo una moltitudine di sé.

Siamo molto più sfaccettati di quanto crediamo. Anche se siamo introversi, abbiamo un estroverso dentro di noi. Anche se siamo pacifici, abbiamo aspetti violenti. Possiamo amare l'esercizio aerobico oltre ad essere pigri e guardare la televisione. Nelle fasi precedenti vediamo tali aspetti del sé come se fossero in guerra gli uni con gli altri. Se siamo una persona dolce che sta cercando di essere compassionevole, neghiamo le parti di noi che sono avidi, avidi o assetati di sangue.

Ti vedo!

Uno degli aspetti più duri di questa fase è che le identità che sono sommerse nelle nostre profondità si fanno avanti. Non è piacevole considerare le parti di noi stessi che cercano di causare danni. Non è nemmeno piacevole essere di fronte a ciò che è ancora non sanato dentro di noi.

Tuttavia, non è negando queste cose, ma accettandole veramente che possiamo comprendere la nostra complessità. Nelle fasi precedenti ciò avrebbe creato caos e dramma, poiché questi aspetti di noi stessi sono costruiti attraverso filtri sociali che attribuiscono certe nozioni di bontà ed etica, e non ci piace pensare a noi stessi al di fuori di tali parametri.

Più significativamente, non siamo stati in grado di considerarci qualcosa di diverso dall'eterna vittima nelle nostre vite. Questo è l'ego ferito, la parte di noi che sta lottando sotto il peso di essere danneggiata e brutalizzata, non ascoltata o nutrita. Avremmo proiettato verso l'esterno tutto ciò che non volevamo guarire internamente, rimanendo affascinati dai film sugli assassini seriali, fissando la paura sull'ultimo terrorista, denigrando gli altri per essere pieni di odio o per essere falsi. Per tutto il tempo non riconoscere che il vero risveglio significa accettare questi aspetti dentro di noi.

Ti accetto!

Queste parti di noi stessi non devono essere trasmutate nella comprensione sociale o personale della "bontà". Dobbiamo accettare anche gli aspetti più viziosi, sanguinari, apatici, amorosi e disprezzati di noi stessi per quello che sono, senza tentare di cambiarli. In questo modo possono passare dall'essere forze subcoscienti che dirigono le nostre vite, in una parte della nostra coscienza fluente e presente. C'è un potere profondo in questi aspetti di noi stessi, e lavorare con questi aspetti di sé attraverso l'accettazione li rivela essere una fonte di significativa energia spirituale.

Le nozioni di bontà sono costrutti religiosi e sociali. La compassione non significa debolezza. Ci può essere compassione feroce, compassione da guerriero, compassione stoica, compassione arrabbiata. È essenziale che le persone che hanno una prospettiva al di là delle ferite personali si pronunciano contro ciò che è ingiusto, illusorio e basato su un potere squilibrato in questo mondo.

È impossibile essere singolarmente bravi, né dovremmo esserlo. Mentre facciamo tutti del nostro meglio, siamo creature imperfette e possiamo creare danni. Richiediamo una certa quantità di egoismo mentre siamo nella forma umana. Dobbiamo prima badare a noi stessi, alle nostre famiglie e ai nostri cari. Non possiamo mai essere veramente "altruisti" poiché dobbiamo occuparci della nostra sicurezza di base, dei nostri bisogni fondamentali e di quelli dei nostri cari.

Comprendendo questo, possiamo accettare l'aspetto di noi stessi che deve essere egoista, che può creare danno, che è imperfetto e renderci conto che facciamo semplicemente il meglio che possiamo. Se facciamo del male a un altro, facciamo ammenda internamente o esternamente. È profondamente radicato nella nostra umanità che possiamo andare oltre le illusioni di uno stato perfetto e nel tipo di amore per se stessi e gli altri che proviene dall'accettazione di ciò che è.

Ti capisco!

È accettando tutti gli aspetti di noi stessi che possiamo sentire veramente e profondamente. Molti di noi non sono veramente vivi, ma semplicemente sopravvivono. È sentendoci ai livelli più profondi, accettando ciò che sorge, che ci risvegliamo. È andando oltre la sfera del sé che possiamo iniziare a testimoniare il dolore degli altri e del mondo.

Quando la dimensione della tua bolla aumenta e sei in grado di notare più delle tue proiezioni emotive, senti il ​​dolore del mondo. Esplorare ciò che è non sanato in te è sempre utile, ma in questa fase iniziamo a renderci conto che il mondo, le persone in esso e altri esseri e intelligenze sono vivi e sofferenti.

C'è un livello collettivo di dolore nel mondo che viene dall'umanità, un lamento proveniente dalle profondità oceaniche di tutti coloro che hanno sofferto. C'è un'energia palpabile quando qualcosa di traumatico sta per accadere su scala globale.

Sentire queste cose è incredibilmente difficile. Il livello di confusione e dolore nel mondo che non ha nulla a che fare con noi o la nostra psicologia o ferita personale è una cosa difficile da gestire anche per coloro che hanno un'enorme abilità. Ciò che è necessario per la liberazione è la capacità di sentire, di relazionarsi, di essere in comunione, piuttosto che negare, reprimere o controllare i sensi o le emozioni. Testimoniare la sofferenza di un altro e sentirlo profondamente dentro di noi, lasciarci trasportare da questo dolore, può liberare le emozioni.

La liberazione è raggiunta attraverso l'accettazione. È solo allora che possiamo realizzare l'uso esperto e il potere intrinseco delle emozioni. Accettando le nostre emozioni e vivendole autenticamente, possiamo essere liberati attraverso loro.

Sono con te!

Forse l'unica caratteristica identificativa di questa fase è il nostro risveglio ai costrutti sociali, religiosi e culturali. Siamo più della semplice somma delle nostre ferite o delle ferite che ci sono state tramandate. Solo risvegliandoci nella nostra storia personale e attraversando la prima fase del risveglio della kundalini, possiamo capirlo.

Prima di questa fase, possiamo sentirci come se creiamo singolarmente il mondo o possiamo creare singolarmente la nostra realtà. Certamente creiamo molto dramma per noi stessi e limitiamo ciò che è possibile per noi stessi attraverso le convinzioni che sono emerse dalle nostre ferite. Ma ci sono in atto costrutti sociali, culturali e sociali che regolano molto chi siamo e creano squilibri di potere in questo mondo. È solo attraverso il risveglio di questi che possiamo arrivare a realizzare che creiamo questo mondo insieme.

Questi costrutti formano gran parte di ciò che siamo. La nostra storia, cultura, razza, genere e società creano modelli specifici di relazione ed essere con cui siamo intrecciati. Possiamo districarci da tali costrutti e realizzare chi siamo, separati da loro. Entrando in uno stato di testimone con loro, non dobbiamo più eseguirli ciecamente.

Guardando verso le parti di noi che l'odio può essere incredibilmente rivelatore. C'è una quantità incredibile di sfumature a questo, perché ad un certo livello siamo tutti uno. Ma in questo livello di realtà non siamo tutti uguali.

Apprezzando le nostre differenze e vedendo la bellezza in esse, possiamo andare oltre l'odio e la separazione sia verso l'interno che verso l'esterno. Ciò può includere la realizzazione di come le ideologie sono state create per ferite e illusioni e come la sofferenza si perpetua. Ma possiamo ancora lavorare internamente con la nostra reattività.

Ti nutro!

Durante questa fase di risveglio della kundalini aumenta la nostra autenticità, insieme alla nostra chiarezza e attenzione allo scopo. Otteniamo una mente chiara e un senso di pace, oltre alla capacità di guardare al mondo per vedere ciò che è non sanato. Abbiamo la prima realizzazione dell'io cosmico; attraverso questo cambiamento di prospettiva realizziamo ciò che apportiamo in modo univoco al mondo. È autenticamente portando le nostre capacità uniche al mondo che possiamo veramente capire perché siamo qui e cosa siamo qui per fare.

In questa fase c'è un cambiamento significativo nell'energetica di base. Passiamo dal prendere energia nei tentativi di nutrire il sistema (tutta l'energia che entra, con pochissimo uscire) per portare ciò che abbiamo realizzato nel mondo. Ci rendiamo conto che, paradossalmente, offrire energia ed essere di servizio crea più flusso attraverso il sistema e favorisce l'evoluzione personale.

Il percorso spirituale è ora attraversato a beneficio del mondo e delle persone che vi sono dentro. Questo è un cambiamento distinto, ed è attraverso questo cambiamento che entriamo in stati di devozione e beatitudine.

Domande per autoinchiesta

Quali parti di me non sono autentiche?

Mettendo in discussione quali aspetti stanno ancora indossando una maschera, o che non desiderano rivelarsi al mondo, possiamo vedere ciò che rimane irrisolto all'interno. Autenticità significa incarnazione e liberazione delle false maschere che indossiamo. Considerando che possiamo raggiungere consapevolmente maschere del genere, come si farebbe per interpretare un ruolo in un film, prima di questo punto le maschere mostrano una mancanza di autenticità e una versione distorta della realtà. Mettendo in discussione gli aspetti di noi stessi che si nascondono, che non desiderano incarnarsi o rivelare se stessi, o che stanno fingendo l'illuminazione o la superiorità, possiamo vedere ciò che ancora si sente separato all'interno.

Mi sto perdendo nei fenomeni?

In questo stadio è abbastanza facile sperimentare cose che l'essere umano medio considererebbe pazzo o magnifico, e aggrapparsi a tali costrutti. Potremmo desiderare di comprenderli mentalmente, di suddividerli in qualcosa che può essere conosciuto e quindi controllato.

Facendo questa domanda, ci rendiamo conto dell'influenza insignificante di gran parte di ciò che accade. Possiamo osservare la nostra mente tentare di ridurre l'ineffabile a qualcosa che può essere controllato, o di relazionarsi ad essa attraverso simboli, miti o costrutti psicologici.

La maggior parte degli stati di coscienza superiori sono stati di sensazione profonda, luce o flusso. Lasciare che tali esperienze siano ciò che sono, non coglierle, ci permette di riportare la nostra attenzione su ciò che non è guarito o non trattato all'interno. Possiamo anche capire che la nostra vera natura è di rimanere permanentemente in loro.

Sto alimentando l'auto-ossessione?

È facile usare costrutti ben intenzionati, come "l'amore è tutto ciò che esiste", per alimentare l'ossessione di sé. Tali realizzazioni sono davvero profonde. Ma sono raramente abbastanza sfumati per incontrare la realtà quotidiana, e potremmo perdersi in un linguaggio fiorito o idealizzato che non ci permette di incontrare il mondo.

Che tipo di amore? È questo l'amore morbido che la società dice che vale, il tocco materno o paterno che l'anima ferita desidera ardentemente? Non c'è modo di discutere contro l'amore, e l'esperienza del profondo amore divino è una bella esperienza, ma tali sentimenti possono perpetuare abusi di potere o isolamento in una bolla.

Non hai bisogno di provare amore per qualcuno che ha abusato di te, per qualcuno che è volutamente ignorante, che sta cercando di prendere più dal mondo che può, o che sta cercando di fare del male a coloro con cui vengono a contatto. Puoi capirli, puoi vederli, puoi persino amarli, ma in realtà differenziata significa limiti.

Dobbiamo accettare e integrare tutte le nostre emozioni, non solo ciò che chiamiamo amore. Una credenza molto dannosa è che non siamo "abbastanza bravi" o "abbastanza spirituali" se proviamo emozioni diverse dall'amore.

I percorsi spirituali devono essere sfumati, perché tali concetti mancano di profondità. Che cosa significa "amore" significa anche? Come lo mettiamo in atto nel mondo? Sì, possiamo provare amore per tutto ciò che è. Possiamo capire le persone a livelli piuttosto profondi. Questo non scusa il loro comportamento, anche se possiamo vedere esattamente come sono diventati chi sono e provare compassione per loro.

Ti sento!

Gli aspetti vittimizzati di noi stessi devono essere ascoltati nel loro dolore, nella loro rabbia, nel loro dolore e nella loro paura. Devono rendersi conto che quei sentimenti non sono solo accettabili ma necessari, e li sentono profondamente - non per essere offerti a un cucciolo e luoghi comuni sull'amore.

Ci sono storie di sette in cui concetti come "l'amore divino" sono usati per perpetuare l'abuso sessuale o prendere il potere di donne e uomini che cercano sentimenti puri in un mondo impuro.

Andare oltre il nodo del primo stadio significa uno spostamento nel percorso spirituale: usiamo il percorso spirituale per essere di beneficio agli altri. Ciò avviene guardando all'interno, ma anche l'auto-riflessione può portare alla romanticizzazione dei concetti spirituali e all'ossessione di sé. Se ciò accade, è indicato che fare qualcosa che sia di beneficio fisico diretto per il mondo, come il volontariato.

Sottotitoli di Innerself

© 2019 di Mary Mueller Shutan. Tutti i diritti riservati.
Editore: Findhorn Press, un'impronta di Inner Traditions Intl.
www.findhornpress.com e www.innertraditions.com

Fonte dell'articolo

Lavorare con Kundalini: una guida esperienziale al processo di risveglio
di Mary Mueller Shutan

Lavorare con Kundalini: una guida esperienziale al processo di risveglio di Mary Mueller ShutanI risvegli della Kundalini possono avere effetti fisici, emotivi e mentali profondi, rendendo difficile far fronte alla vita di tutti i giorni, tuttavia questi potenti risvegli possono anche permettere di rilasciare traumi passati, vedere oltre le illusioni del falso sé e risvegliare il tuo cuore spirituale, permettendoti di riconoscere il sé divino. Fornendo una guida dettagliata per ogni fase del risveglio della Kundalini, questa guida esperienziale ti sostiene mentre ti trasformi non solo emotivamente e spiritualmente, ma anche fisicamente e socialmente nel tuo sé divino.

Clicca qui per maggiori informazioni e / o per ordinare questo libro o per acquistare l'edizione Kindle o Audiobook.

Circa l'autore

Mary Mueller ShutanMary Mueller Shutan è un agopuntore, un erborista, un terapeuta craniosacrale, un equilibratore zero e un guaritore spirituale. Autore di La Guida al risveglio spirituale e Gestione delle abilità psichiche, ha aiutato centinaia di persone in tutto il mondo attraverso i suoi programmi e le sue consultazioni. Visita il suo sito Web all'indirizzo www.maryshutan.com

Libri di questo autore

Inglese afrikaans Arabic Cinese (semplificato) Cinese (tradizionale) Dutch filippina Francese Tedesco hindi Indonesian Italiano Giapponese Korean Malay persiano Portoghese Russian Spagnolo swahili Swedish Thai turco Urdu vietnamita