Il potere della cura di sé con The Art of Jin Shin

Il potere della cura di sé con The Art of Jin Shin
Creative Commons Zero - CC0

Una bambina si succhia il pollice per sentirsi a proprio agio. Un adulto tocca diverse dita sulla sua fronte o appoggia una guancia nel suo pugno alzato come risposta allo stress cognitivo. Incrociamo le braccia o mettiamo le mani sui fianchi quando cerchiamo sicurezza e messa a terra. A nessuno di noi viene esplicitamente insegnato a usare queste posture come meccanismi di coping, ma quando sorge la necessità, ci ricadiamo su di esse senza sforzo cosciente.

Da dove viene questo innato vocabolario fisico? All'interno della pratica curativa dell'Arte di Jin Shin, queste particolari posizioni del corpo sono note per stimolare le aree in cui l'energia all'interno del corpo tende ad accumularsi e bloccarsi.

Saggezza istintiva per l'autoguarigione

La logica occidentale ci dice che i più piccoli succhiano i pollici per calmarsi, replicando abilmente il senso di conforto ottenuto dall'alimentazione al seno della madre. Quando i praticanti di Jin Shin vedono un bambino succhiarsi il pollice, vediamo qualcosa di più di una semplice sostituzione: vediamo un bambino che sta istintivamente armonizzando la sua digestione, oltre a bilanciare lo stomaco e l'energia della milza. Un adulto può ottenere lo stesso risultato semplicemente aggrappandosi a un pollice.

Ricordo di aver aperto una copia del New York Times al culmine della crisi finanziaria, e in prima pagina c'era una foto di alcuni commercianti di Wall Street che si tenevano la testa o si toccavano le guance, tutti inconsapevoli di tenere aree di Jin Shin che aiutano a calmare lo stress mentale. O prendi uno dei miei luoghi preferiti su una affollata metropolitana di New York City, quella dei cavalieri che tengono l'esterno dei polsi, un modo consacrato dal tempo per calmare il sistema nervoso.

Queste e altre posture rappresentano solo alcuni esempi della nostra innata, istintiva saggezza per l'autoguarigione sul lavoro. La moderna pratica giapponese di Jin Shin si espande su questa innata saggezza, usando un tocco gentile per rimuovere i blocchi energetici che causano dolore e malattie fisiche ed emotive.

Come la digitopressione, l'Arte di Jin Shin può essere amministrata da un professionista addestrato o può essere auto-applicata. Perché farlo da soli? All'interno di questa pratica, la cura di sé non è semplicemente una scorciatoia economica per la cosa reale. La cura di sé è in realtà un principio fondamentale dell'Arte di Jin Shin, ed è stato cruciale per lo sviluppo della tecnica.

Gli inizi dell'arte di Jin Shin

Nelle antiche culture orientali, la conoscenza dei percorsi energetici del corpo veniva tramandata di generazione in generazione tra i guaritori che imparavano il loro mestiere attraverso l'apprendistato. Secondo i più antichi documenti giapponesi, le pratiche di guarigione basate su questi percorsi potenti e in gran parte invisibili erano in uso anche prima dei giorni di Mosè e Gautama Buddha. Eppure questa saggezza di guarigione alla fine fu persa, sepolta sotto le certezze della medicina moderna, persino messa al bando in alcuni luoghi.

Dodici secoli dopo, la curiosità per le antiche modalità cominciò a suscitare. Una delle persone che cadde sotto il loro incantesimo era un uomo di nome Jiro Murai.

Nato a 1886, al confine meridionale del Giappone, Jiro Murai proveniva da una famiglia composta da una lunga serie di professionisti medici. Come secondo figlio, forse gli sarebbe stata concessa più libertà del fratello maggiore, una dinamica che ha permesso alla selvaggia serie del ragazzo di prosperare senza controllo. All'età di ventisei anni, Murai era vicino alla morte, il suo corpo teso da uno stile di vita immodificato, in cui stava esplorando i suoi limiti (cosa che in seguito fece anche nella sua ricerca di Jin Shin).

Mentre i record disponibili non indicano un nome per le condizioni di Murai, il suo declino è stato ripido e la prognosi è stata terribile. Nonostante le legioni di dottori in orbita, nessuno nella sua famiglia poteva aiutarlo. Quindi, secondo i suoi desideri, fu portato su una barella nella baita della sua famiglia, dove disse ai suoi parenti di controllarlo di nuovo tra otto giorni.

Nelle fasi acute della sua misteriosa malattia, a Murai venne in mente che il Buddha aveva raggiunto l'illuminazione dopo una settimana di seduta e digiuno Zen. Chiedendosi se una pratica Zen potesse essere usata per superare la malattia, Murai decise di sottoporsi a un regime ispirato al percorso del Buddha. Mentre meditava, eseguiva vari "mudra", le posizioni antiche delle dita che stimolavano il movimento dell'energia cosmica attraverso il corpo.

Cadde dentro e fuori dalla coscienza, il suo corpo divenne gelido e poi pulsava di un calore ardente. Dopo diversi giorni, provò un grande senso di calma. Il settimo giorno Murai si alzò e fu di nuovo in grado di camminare. I suoi parenti furono sorpresi e felici di vederlo tornare dalla baita da solo e in buona salute.

Questi eventi furono trasformativi per Murai, che finalmente incanalò le sue energie verso un obiettivo concreto: condurre ricerche che iniziarono con i mudra e si ramificarono in uno studio ad ampio raggio del suo stesso fare. Ha studiato antichi testi cinesi, greci e indiani, nonché la Bibbia giudeo-cristiana, alla ricerca di connessioni tra di loro.

Ha esaminato i cadaveri prima della cremazione e ha visitato i macelli per acquistare i capi di bestiame, analizzandoli nei locali per studiare la circolazione dei fluidi corporei. Nel frattempo ha continuato i suoi esperimenti, mangiando un solo tipo di cibo per settimane alla volta per vedere come influiva sul flusso di energia nel suo corpo.

Attraverso questa pratica intenzionale, Murai iniziò a prendere coscienza delle forze nascoste, il movimento naturale dell'energia nel corpo divenne palpabile.

Alla fine ha iniziato a tradurre le sue intuizioni in un sistema che potrebbe essere utilizzato su altri. Murai aveva clienti nei settori più alti della società giapponese e negli angoli più umili. Dopo aver guarito il fratello dell'imperatore giapponese Hirohito, gli fu concesso l'accesso agli archivi del Palazzo Imperiale e al santuario Ise, il tempio più alto dello Shinto, la religione tradizionale del Giappone.

Durante questo periodo, Murai fu in grado di immergersi in uno studio del Kojiki: il Record of Ancient Matters, la famosa raccolta di miti giapponesi e documenti storici risalenti all'anno 712 d.C. Tutte queste fonti primarie, dall'esperienza che ha avuto in montagna all'antica saggezza del Kojiki, hanno avuto a che fare con l'arte e la pratica che ha chiamato "Jin Shin Jyutsu".

Mentre la parola dei suoi esperimenti si diffondeva, la tecnica in evoluzione fu infine presa in mano da due studenti di Murai: Mary Burmeister, una donna giapponese-americana che portò la pratica negli Stati Uniti e in Europa dopo una sua radicale esperienza di guarigione, e Haruki Kato, che praticava in Giappone.

Quando Murai morì in 1961, Kato e Burmeister divennero i custodi della sua eredità, il "dono" che Jiro Murai aveva concesso loro. Haruki Kato ha aperto una clinica in Giappone, mentre Mary Burmeister ha contribuito a diffondere la parola di Jin Shin Jyutsu, continuando ad approfondire la sua comprensione dell'arte attraverso la ricerca che è culminata nella sua scrittura di numerosi libri.

Il significato di Jin Shin

"L'arte del creatore attraverso la persona compassionevole", una delle numerose traduzioni della pratica originariamente chiamata "Jin Shin Jyutsu", è un po 'un boccone, motivo per cui al Jin Shin Institute preferiamo l' "Arte di Jin Shin. "Tuttavia, le parole scelte da Jiro Murai e interpretate da Mary Burmeister per descrivere la modalità di guarigione indicano diverse verità su Jin Shin.

Il nome completo si basa su caratteri cinesi, ognuno con più significati. Ai fini di Jin Shin Jyutsu, li traduciamo come segue:

Innanzitutto, chiamiamo Jin Shin un '"arte" (jyutsu), piuttosto che una tecnica. Perché? Perché la sua efficacia deriva dalla creazione abile piuttosto che dall'applicazione meccanica. Consideriamo ogni cliente diverso, ogni caso unico e, di conseguenza, il professionista adotta un approccio fluido e personalizzato al trattamento.

Il professionista viene definito "persona compassionevole" (jin), un giro di parole che all'inizio può sembrare un po 'misterioso. Murai e Burmeister hanno scelto di enfatizzare la necessità di compassione, che consente a una nave di affettuosi creativi intramontabili di spostarsi, al contrario delle competenze scientifiche, per sottolineare sia la semplicità della tecnica sia l'idea che l'energia di guarigione viaggia semplicemente attraverso il praticante ed emana da una fonte superiore: il "creatore" (stinco). La parola è stata scelta da Murai per descrivere l'ultima fonte di guarigione, che i professionisti moderni tendono a caratterizzare come un'energia universale che dà la vita.

Jin Shin è giusto per me?

Jin Shin è appropriato per il tuo disturbo particolare? La risposta è un clamoroso sì. Jin Shin può alleviare una vasta gamma di disturbi, da mal di testa, affaticamento e insonnia a disturbi digestivi, depressione, mal di schiena e artrite. Può anche fornire supporto alle persone che si trovano ad affrontare condizioni più gravi; gli studi hanno dimostrato che l'Arte di Jin Shin è efficace nella gestione degli effetti collaterali dei trattamenti contro il cancro e nella regolazione della pressione arteriosa nelle vittime di ictus, e ho avuto molte esperienze usando la modalità di Jin Shin come una forma di medicina complementare in questo senso.

Un caso particolarmente memorabile ha coinvolto un ragazzo di quindici anni, Ray, che stava ricevendo la chemioterapia per un tumore a cellule germinali cancerose. Sua madre si era messa in contatto, sperando che un trattamento alternativo potesse aiutarlo con gli effetti collaterali.

Quando Ray entrò nel mio spazio di pratica con un berretto da baseball che gli copriva il cuoio capelluto, il suo viso era fissato nell'espressione stanca di qualcuno che era venuto a vedere la sofferenza come il suo lotto inevitabile. Ascoltando i suoi impulsi nel suo polso, ho potuto sentire la medicina della chemio infuriare attraverso il suo sistema.

Lavorando due sequenze specifiche progettate per mitigare la nausea e la fatica, ho mostrato a Ray e sua madre alcuni semplici flussi di auto-aiuto per esercitarsi quotidianamente. Questi sosterrebbero il suo sistema immunitario ed endocrino e aiuterebbero a tenere in ordine i suoi emocromi, mentre alcune aree aggiuntive potrebbero essere utilizzate secondo necessità per la nausea.

Dopo le sedute quotidiane di cura di sé con sua madre (che non aveva mai avuto esperienze precedenti con Jin Shin), è tornato a trovarmi la settimana successiva sentendomi più energico, con un accenno di sorriso sul viso. Sua madre mi disse che era preoccupata per il suo basso numero di piastrine. Una fornitura ridotta inibirebbe la sua capacità di coagulazione del sangue e gli impedirebbe di sottoporsi al suo ultimo ciclo di trattamenti chemioterapici programmati la settimana successiva.

Dopo aver ascoltato di nuovo i suoi impulsi, intendevo che la nostra sessione si concentrasse sulla composizione del sangue. Una volta terminato, ho chiesto a Ray se avrebbe preso in considerazione la possibilità di tornare il giorno seguente, in modo che potessimo costruire il suo corpo il più possibile in modo da poter ricevere il suo ultimo giro di chemio. Il giorno dopo gli ho dato un'altra sessione e ho mostrato a sua madre come fare un flusso che avrebbe aiutato con il suo conteggio dei globuli rossi, istruendola a lavorare su di lui una o due volte al giorno.

Il giorno successivo, i suoi emocromi sono tornati alla normalità e gli è stato dato il via libera per ricevere il suo trattamento chemioterapico.

Dalla rabbia e dal mal di testa, alle ginocchia doloranti e al basso numero di cellule del sangue

Come possiamo pretendere di lanciare una rete così ampia, lavorando su sintomi che vanno dall'ira eccessiva, mal di testa ricorrenti e ginocchia doloranti a conteggi di globuli bassi? All'interno di una struttura di Jin Shin, una diagnosi (o "etichetta") di malattia è il risultato di un accumulo di energia repressa di mesi o addirittura anni. Tali blocchi o disarmonie possono essere causati da atteggiamenti ed emozioni interne, nonché da dieta, abitudini lavorative o suscettibilità ereditarie e possono anche essere causati da incidenti o fattori di stress ambientale.

Indipendentemente dalla loro natura e origine, consideriamo i sintomi utili avvertimenti, spintoni da corpi affamati di un cambiamento nel modello energetico e che ci inducono a indagare e comprendere la causa del progetto in modo che il sintomo scompaia e non riemerga in un'altra forma.

Jin Shin in un ambiente clinico

Mentre l'Arte di Jin Shin è diventata più affermata al di fuori del Giappone, diversi ospedali e cliniche hanno iniziato a sperimentare l'uso dei suoi protocolli nei loro programmi di gestione del dolore. Al Morristown Memorial Hospital nel New Jersey, un programma fondato dal mio mentore, Philomena Dooley, ha usato con successo Jin Shin per alleviare l'ansia, il disagio fisico e il dolore nei pazienti con trapianto cardiaco pre e post-operatorio.

A New York City presso il NewYork-Presbyterian / Columbia University Medical Center, ho insegnato ai seminari di Jin Shin agli infermieri del pronto soccorso, mostrando loro come tenere un dito indice per calmare le paure di un paziente o posizionare le mani attorno alla caviglia di un paziente per liberare una dose di antidolorifici naturali del corpo.

Insegnando agli infermieri a usare la cura di sé per gestire i propri dolori e affaticamenti durante lunghi turni stressanti spesi in gran parte in piedi, il programma offre anche loro l'opportunità di condividere Jin Shin con i familiari dei pazienti, facendo sentire i loro cari più a proprio agio e autorizzandoli ad essere di aiuto quando necessario. Al Markey Cancer Centre nel Regno Unito, dove Jin Shin è offerto a tutti i pazienti, uno studio 2012 ha dimostrato un notevole miglioramento nell'esperienza dei pazienti di nausea, dolore e stress.

Niente di tutto ciò è sorprendente per quelli di noi che hanno visto da vicino il potere trasformativo di Jin Shin - eppure l'uso di Jin Shin come forma di medicina alternativa in contesti medici più tradizionali è una notizia incoraggiante sia per i professionisti che per i pazienti.

© 2019 di Alexis Brink.
Tutti i diritti riservati.
Tratto con permesso.
Editore: Tiller Press, un'impronta di Simon & Schuster.

Fonte dell'articolo

L'arte di Jin Shin: la pratica giapponese di guarire con la punta delle dita
di Alexis Brink

L'arte di Jin Shin: la pratica giapponese di curare con la punta delle dita di Alexis BrinkBilancia il tuo corpo, la tua mente e il tuo spirito e guarisci te stesso con le tue mani usando questa guida illustrata, chiara e dettagliata, alla pratica dell'antica arte di guarigione giapponese di Jin Shin, scritta da un esperto addestrato con quasi trent'anni di esperienza . L'arte di Jin Shin spiega tutte le basi di questa arte di guarigione e ti fornisce le conoscenze di cui hai bisogno per esercitarti su te stesso - con esercizi che vanno dal tenere semplicemente un dito per qualche minuto a spendere venti minuti per armonizzare uno specifico schema di circolazione. (Disponibile anche come e-textbook, audiolibro e CD audio.)

clicca per ordinare su Amazon


libri correlati

Circa l'autore

Alexis BrinkAlexis Brink è il presidente del Jin Shin Institute di New York City ed è stato un praticante dell'Arte di Jin Shin sin da 1991. È una massaggiatrice autorizzata e ministro interreligioso e ha insegnato per molti anni lezioni e seminari di auto-aiuto a New York e in diversi paesi. Ha insegnato a Jin Shin negli ospedali agli infermieri, agli insegnanti e ai loro studenti nel sistema scolastico pubblico. Il Jin Shin Institute, sotto la guida di Alexis, offre un curriculum completo alla nuova generazione di professionisti e insegnanti. Visita JinShinInstitute.com per maggiori informazioni.

Video / Intervista: Deepak Chopra in conversazione con Alexis Brink

segui InnerSelf su

facebook-icontwitter-iconrss-icon

Ricevi l'ultimo tramite e-mail

{Emailcloak = off}