Mighty Natural

L'inverno è buono per il funzionamento del tuo cervello?

L'inverno è buono per il funzionamento del tuo cervello?È di nuovo quel momento dell'anno. Mentre l'emisfero australe sta affrontando il caldo soffocante dell'estate, il freddo sta spazzando il resto del globo, portando con sé nevicate, venti violenti e un irresistibile desiderio di passare la maggior parte della giornata a rannicchiarsi a letto. L'inverno è il nemico di tutti gli amanti dell'estate e i mesi freddi di questa stagione hanno sicuramente contribuito alla sua reputazione negativa. Parka ammuffito, cappelli a bolle discutibili e naso che cola sono solo alcuni dei soliti sospetti di questa stagione. E se ciò non bastasse, una condizione medica chiamata disturbo affettivo stagionale indotto dalle tenebre, o il blues invernale, potrebbe spiegare l'apparente legame tra inverno e cambiamenti di umore complessi. Ciò nonostante, gli scienziati stanno arrivando a rendersi conto che i giorni oscuri potrebbero non essere così oscuri, dopotutto.

L'idea che la temperatura circostante influenzi il funzionamento del nostro cervello può sembrare inverosimile. Tuttavia, nuove prove suggeriscono che i cambiamenti legati alla temperatura possono influenzare il processo decisionale. Studi interessanti hanno dimostrato che in temperature particolarmente calde, in realtà non prendiamo buone decisioni. Solo pochi mesi fa, Jose Cedeño-Laurent e colleghi hanno esaminato le differenze nelle prestazioni cognitive tra gli studenti che vivono in dormitori senza aria condizionata (AC) e quelli con AC. Lo studio è stato condotto presso la Harvard TH Chan School of Public Health durante l'ondata di caldo 2016 Boston e mirava a districare le conseguenze del caldo estremo sulla salute pubblica. Le loro scoperte hanno indicato che gli studenti che vivevano senza aria condizionata hanno mostrato un 13.4% di tempo di reazione più lungo nei test di cognizione rispetto ai loro coetanei "più freddi". Inoltre, gli studenti nelle stanze con aria condizionata non solo apparivano più veloci nel rispondere, ma erano anche più precisi. Sebbene ticchettare la scatola giusta in un test possa sembrare un'esperienza di vita o di morte, la storia ci insegna che operare una risposta rapida ed efficace sul campo di battaglia può letteralmente fare la differenza tra la vita e la morte. Quindi cosa succede quando i soldati devono affrontare decisioni complesse in condizioni ambientali difficili? Questa domanda incuriosì un gruppo di scienziati del Collegio medico delle forze armate indiane che valutò i cambiamenti nelle prestazioni cognitive nelle truppe che avevano trascorso almeno un anno in condizioni desertiche. I risultati non erano buoni. Non sorprende che la valutazione dell'attenzione, della concentrazione e della memoria abbia rivelato un significativo declino nei climi caldi, aggiungendo che l'alta temperatura può compromettere le prestazioni mentali.

... le richieste fisiche imposte dal processo di raffreddamento nei climi caldi mettono a repentaglio il funzionamento del cervello depletando il glucosio più facilmente che nei climi freddi ...

Che dire dei climi freddi? Uno dei primi studi per esaminare il legame apparente tra inverno e cognizione è stato condotto a Tromsø, in Norvegia, dove sessantadue partecipanti sono stati esaminati in una serie di funzioni mentali durante l'inverno e l'estate. In questo studio, i soggetti hanno mostrato maggiore attenzione e tempi di reazione più brevi in ​​inverno rispetto ai mesi estivi. Questi risultati supportano la teoria che temperature più basse migliorano la funzione cerebrale e portano a un miglioramento del processo decisionale.

Tuttavia, esiste un dibattito acceso (sì, giusto) sui meccanismi biologici di questo presunto effetto. Una teoria è che il nostro corpo trova più difficile raffreddarci che riscaldarci. Proprio come qualsiasi altro organo del corpo umano, il nostro cervello utilizza glucosio - un tipo di zucchero presente negli alimenti che il nostro corpo utilizza per l'energia - per alimentare i nostri processi mentali. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che è necessario più glucosio per raffreddarci piuttosto che riscaldarci, il che significa che le richieste fisiche imposte dal processo di raffreddamento nei climi caldi mettono a repentaglio il funzionamento del cervello depletando il glucosio più facilmente che nei climi freddi. Al contrario, potrebbe essere che più glucosio è disponibile per il cervello in ambienti più freschi, influenzando così positivamente le nostre capacità decisionali.

Un'altra possibilità è che quando la temperatura diminuisce, l'attività neurale diventa più "efficiente". Questa idea è stata recentemente avanzata a seguito di uno studio in cui a giovani e donne 28 è stato chiesto di svolgere un compito di attenzione e memoria di lavoro in uno scanner cerebrale in diversi momenti dell'anno. I risultati di questo studio hanno indicato che le prestazioni mentali non variano in modo significativo nelle varie stagioni ma, in particolare, l'attività cerebrale è risultata più bassa in inverno e più alta in estate. Questa ridotta attività cerebrale invernale è stata interpretata come un segno di miglioramento dell'efficienza in quanto il cervello ha dimostrato di funzionare altrettanto bene tra l'estate e l'inverno consumando molta meno energia durante l'ultima stagione.

Tutto ciò significa che gli esseri umani sono più inclini a prendere decisioni sbagliate nei climi più caldi? E, cosa più importante, la tua testa in frigorifero ti aiuterà a superare gli esami?

Mentre i risultati di cui sopra fanno luce sulla stagione più buia dell'anno, le prove sperimentali relative alla funzione cognitiva al freddo non sono sempre semplici.

Ho paura che la risposta sia no. Mentre i risultati di cui sopra fanno luce sulla stagione più buia dell'anno, le prove sperimentali relative alla funzione cognitiva al freddo non sono sempre semplici. Muller e colleghi della Kent State University hanno usato una batteria di test computerizzata per esaminare le prestazioni mentali nei giovani uomini sani durante i periodi di esposizione al freddo o di riscaldamento. I loro dati hanno suggerito che la memoria di lavoro e la funzione esecutiva diminuiscono rispetto al basale quando i soggetti sono esposti a temperature più basse. Questo risultato è intrigante in quanto la maggior parte degli studi suggerisce generalmente temperature più fresche accrescere attività mentale. Quindi da dove vengono queste differenze?

Alcuni esperti ritengono che i risultati contrastanti potrebbero essere dovuti alla durata o alla modalità di raffreddamento o al compito cognitivo specifico adottato per l'indagine. In effetti, è importante ricordare che l'impatto esatto delle basse temperature sulla funzione cognitiva è ancora poco conosciuto, e quindi la temperatura ottimale e la durata del raffreddamento per ottenere cambiamenti misurabili nella funzione cerebrale devono ancora essere stabiliti. Pertanto, esposizioni più lunghe a basse temperature o esposizione a temperature più basse possono influenzare in modo diverso il risultato di ogni studio e quindi spiegare alcuni risultati contrastanti in letteratura.

Queste scoperte suggeriscono che l'assunto popolare che l'inverno ci rende pigri e lunatici non regge al controllo scientifico. Al contrario, l'accumulo di prove suggerisce che il tuo cervello funzioni meglio in inverno, entrando in quello che gli scienziati chiamano una "modalità ecologica" in cui si consumano meno risorse per esibirsi e in estate. Se sei una di quelle persone che stanno vivendo il blues invernale, questa rinfrescante scoperta potrebbe aiutarti a guardare i giorni più bui dell'anno con una luce nuova e più luminosa.

Questo articolo è originariamente apparso su Conoscendo i neuroni

Riferimenti:

  • Cedeño Laurent JC, Williams A., Oulhote Y., et al. (2018). Ridotta funzione cognitiva durante un'ondata di calore tra i residenti di edifici non climatizzati: uno studio osservazionale di giovani adulti nell'estate di 2016, PLoS Medicine, doi: 10.1371 / journal.pmed.1002605
  • Saini R., Srivastava K., Agrawal S., et al., (2017) Deficit cognitivi dovuti allo stress termico: uno studio esplorativo sui soldati nei deserti, Giornale medico delle Forze armate dell'India, 73 (4): 370-374.
  • Muller MD, Gunstad J., Alosco ML, et al., (2012). Esposizione al freddo acuta e funzione cognitiva: evidenza di compromissione prolungata, Ergonomia, 55 (7): 792-8.
  • Meyer C., Muto V., Jaspar M., et al., (2016). Stagionalità nelle risposte del cervello cognitivo umano, proceedings of the National Academy di Sciza Stati Uniti d'America, 113 (11): 3066-71.

libri correlati

L'inverno è buono per il funzionamento del tuo cervello?